Cerca all'interno del sito:
 
Vai alla nostra pagina facebook




Glossario

A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z 

A
ACCESSIBILITÀ: L'accessibilità è la caratteristica di un sito, di un servizio o di una risorsa d'essere utilizzabile con facilità da una qualsiasi tipologia d'utente. Il termine è comunemente associato alla possibilità anche per persone affette da disabilità sia temporanea, sia stabile.

ADOBE FLASH: (in precedenza Macromedia Flash e ancora prima FutureSplash) è un software per uso prevalentemente grafico che consente di creare animazioni vettoriali principalmente per il web. Viene utilizzato anche per creare giochi o siti web e grazie all'evoluzione delle ultime versioni è divenuto un potente strumento per la creazione di Rich Internet Application (veri e propri programmi che stanno su un server) e piattaforme di streaming ovvero dati audio/video diffusi via internet.

ASP: Le Active Server Pages (Pagine Server Attive, in genere abbreviato in ASP) sono pagine web contenenti, oltre al codice HTML, degli script che verranno eseguiti dal server per generare il codice HTML da inviare al browser del navigatore (proprio per questo vengono definite pagine web dinamiche). Così è possibile mostrare estratti di database che stanno sul server web e modificarne l'aspetto secondo le regole negli script, il tutto senza dover inviare il codice del programma all'utente finale (al quale arriva solo il risultato), con un notevole risparmio di tempi e banda. I linguaggi utilizzati sono VBScript e JScript per l'ambiente ASP e VB.NET, C# e J# per l'ambiente ASP.NET (anche se il più utilizzato è proprio VB.NET). Grazie a questi linguaggi il sistema dinamico può comunicare con un server che ospitiqualsiasi tipo di database che abbia un driver OLE-db o ODBC, come ad esempio Access, SQL Server, MySQL, Oracle, Firebird, Sybase e tanti altri. Funziona ufficialmente solo sul web server Microsoft Internet Information Services (IIS). Nonostante questo, per quanti utilizzano GNU/Linux è disponibile un emulatore che consente di eseguire i codici ASP senza dover riscrivere l'intero progetto ma soltanto una piccola porzione di esso. ASP è stato ufficialmente abbandonato, seppure continua ancora ad essere supportato e può funzionare sulle ultime versioni di IIS, in favore di ASP.NET, ormai giunto alla versione 4.0, che consente di creare applicazioni web su piattaforma Microsoft che possono sfruttare anche funzionalità avanzate e, soprattutto, contare su un'infrastruttura molto più avanzata, qual è quella offerta dal .NET


B
BACO DEL PROGRAMMA: In informatica il termine bug o baco indica un errore nella scrittura di un programma software. Un bug di un programma è un errore o guasto che porta al malfunzionamento di esso (per esempio producendo un risultato errato). La causa bug è spesso il codice sorgente scritto da un programmatore.


C
CMS: Un content management system (Sistema di Gestione dei Contenuti), è uno strumento software installato su un server web studiato per facilitare la gestione dei contenuti di siti web anche senza avere conoscenze tecniche di programmazione Web. Esistono CMS specializzati, cioè appositamente progettati per un tipo preciso di contenuti (ad esempio un blog, un forum ecc.) e CMS generici che consentono la pubblicazione di diversi tipi di contenuti. Tecnicamente un CMS è un'applicazione lato server che si appoggia su un database per lo stoccaggio dei contenuti ed è suddivisa in due parti: la sezione di amministrazione (back end), che serve ad organizzare la produzione dei contenuti, e la sezione front end, che il navigatore usa per fruire dei contenuti e delle applicazioni del sito. L'amministratore del CMS gestisce tutti i comtenuti tramite un pannello di controllo. I CMS possono essere realizzati tramite programmazione in vari linguaggi web tra cui più comunemente in ASP, PHP, .NET; il tipo di linguaggio adoperato è indifferente a livello di funzionalità. A seconda del linguaggio di programmazione cambia il tipo di hosting necessario.

CSS: Il CSS (Cascading Style Sheets o Fogli di stile) è un linguaggio usato per definire la formattazione di documenti HTML, XHTML e XML. Le regole per comporre il CSS sono contenute in un insieme di direttive emanate a partire dal 1996 dal W3C. La nascita del CSS è dovuta alla crescente necessità di separare i contenuti dalla formattazione e permettere una programmazione più chiara e facile da utilizzare per gli autori delle pagine HTML.


D



E



F



G



H
HOSTING: Dall'inglese to host (ospitare) un servizio che consiste nel collocare su un server web le pagine di un sito web, rendendolo così accessibile dalla rete Internet. Questo server web, definito host, è connesso alla rete Internet in modo idoneo a garantire l'accesso alle pagine del sito mediante browser, con identificazione dei contenuti tramite dominio ed indirizzo IP.

HTML: HyperText Markup Language (traduzione letterale: linguaggio a marcatori per ipertesti) è il linguaggio solitamente usato per i documenti ipertestuali disponibili nella rete internet. In tali documenti, parti di testo possono essere contrassegnati inserendo delle etichette, tag, per definirne la funzione, il colore, il link o altre caratteristiche. Il web browser scarica da uno o più web server questi testi per elaborarli, interpretando il codice, al fine di generare la visualizzazione della pagina desiderata sullo schermo del computer. L'HTML non è un linguaggio di programmazione (in quanto non prevede alcuna definizione di variabili, strutture dati, funzioni, strutture di controllo) ma solamente un linguaggio che descrive le modalità di impaginazione grafica (layout) del contenuto, testuale e non, di una pagina web. Tuttavia, l'HTML supporta l'inserimento di script e oggetti esterni quali immagini o filmati. Punto HTML (.html) o punto HTM (.htm) è anche l'estensione comune per riconoscere i documenti in questo formato.




I



J



K
KNOW-HOW: Conoscenza approfondita di un determinato settore costruita con lo studio, l'applicazione e l'esperienza sul campo.




L
LANDING PAGE: pagina appositamente costruita su cui approda il visitatore dopo aver cliccato un link o una pubblicità. Questa pagina spesso mostra contenuti che sono un'estensione del link o della pubblicità, oppure è ottimizzata per una specifica parola chiave (keyword) o frase per "attrarre" i motori di ricerca. E' creata per campagne pay per click in modo che il suo contenuto sia il vicino possibile a quanto cercato sul motore di ricerca. Esistono due tipi di landing page, Landing Page di consultazione (Reference): ha lo scopo di comunicare informazioni importanti per il visitatore; queste pagine possono anche includere testi o elementi particolari. Landing Page transazionali (Transational): spinge invece il navigatore a completare una certa attività (normalmente riempire un modulo sul web). Questo tipo di landing page, di gran lunga la più usata, è utilizzata per vendere prodotti, servizi o contenuti. L'obiettivo di una landing page è fare in modo che quanti più navigatori compiano una determinata azione; la percentuale di successo viene chiamato "tasso di conversione" (Conversion Rate, CR).

LANDSCAPE: Panorama o paesaggio. Praticamente riassume il contesto nel quale si opera.




M
MAILING LIST: Archivio utenti o clienti, con indirizzi ed informazioni varie aggiornabile nel tempo, suddiviso per categorie, utilizzabile per inviare informazioni varie anche pubblicitarie.




N



O
OTTIMIZZAZIONE: Con il termine ottimizzazione (Search Engine Optimization, SEO, in inglese) si intendono tutte quelle attività finalizzate ad aumentare il volume di traffico che un sito web riceve dai motori di ricerca. Tali attività comprendono l'ottimizzazione sia del codice sorgente della pagina, sia dei contenuti. L'attività di ottimizzazione per i motori di ricerca comprende varie operazioni tecniche che vengono effettuate sul codice HTML e sui contenuti delle pagine del sito web. L'ottimizzazione di un sito determina il suo posizionamento nelle pagine di risposta dei motori, che a sua volta è determinante nella vendita di prodotti o servizi.




P
PAGERANK: è un valore numerico che Google attribuisce ad ognuna delle pagine web conosciute dal motore di ricerca. Viene determinato in base al numero complessivo di link che puntano a quella pagina. Maggiore è il numero dei link provenienti da siti di qualità che puntano ad una pagina e migliore sarà la posizione di quella pagina nei risultati delle ricerche. Il PageRank, tuttavia, non è che uno dei tanti,parametri presi in considerazione da Google per decidere la posizione di una pagina. Per tale ragione un valore di PageRank alto non garantisce necessariamente una posizione migliore rispetto ad una pagina con PageRank più basso.

PARTNER: La parola partner è utilizzata in vari contesti. È una parola di origine inglese che significa compagno o compagna. Nel nostro caso indica un patto commerciale.

PHP: PHP (Hypertext Preprocessor) ovvero preprocessore di ipertesti; è un linguaggio di scripting interpretato, con licenza open source (libera), originariamente concepito per la programmazione Web ovvero la realizzazione di pagine web dinamiche. Attualmente è utilizzato principalmente per sviluppare applicazioni web lato server. L'elaborazione di codice PHP sul server produce codice HTML da inviare al browser dell'utente. Il vantaggio dell'uso di PHP e degli altri linguaggi Web come ASP e .NET rispetto al classico HTML derivano dalle differenze profonde che sussistono tra Web dinamico e Web statico.

POSIZIONAMENTO: Con il termine posizionamento s'intende l'acquisizione di visibilità e rilievo tra i risultati dei motori di ricerca. Le pagine di risposta di una ricerca online mostrano sia risultati veri e propri sia inserzioni a pagamento. Perciò il posizionamento è di due tipi: posizionamento naturale (dall'inglese organic placement), che si ottiene mediante azioni di ottimizzazione del sito e, se ben fatto, offre un ottimo ritorno sull'investimento; e link sponsorizzati (noti anche col termine "pay per click" o "sponsored links"), inserzioni a pagamento per le quali l'inserzionista acquista le parole per le quali vuole comparire, crea il messaggio da abbinare infine una pagina di destinazione (landing page). L'ordine degli inserzionisti nella pagina di risultati dei motori di ricerca è determinato da una serie di criteri definiti dal network pubblicitario; il più rilevante di questi criteri è il "costo per click", quanto cioè l'inserzionista è disposto a spendere per ogni visita che riceve dall'inserzione abbinata a una certa parola chiave.

PAY PER CLICK: Il pay per click (PPC) consiste nell'acquisto della pubblicità online. L'inserzionista paga una tariffa unitaria in proporzione ai click (click-through rate), ovvero solo quando un utente clicca effettivamente sull'annuncio pubblicitario (testuale, immagine o animazione) che porta alla pagina web che desideriamo promuovere. I vantaggi di questa forma di pubblicità sono numerosi e permettono di ottimizzare al massimo gli investimenti. Un esempio di pubblicità pay per click sono gli annunci sponsorizzati che compaiono a lato dei risultati "puri" dei motori di ricerca.



Q



R



S
SEO: Search Engine Optimization (ottimizzazione per i motori di ricerca) sono tutte quelle attività finalizzate ad aumentare il volume di traffico che un sito web riceve dai motori di ricerca (Google, Yahoo etc). Vengono ottimizzati il codice sorgente della pagina, i contenuti finali visibili da tutti e le tecnologie di interazione. L'ottimizzazione è parte di un'attività più complessa, il marketing dei motori di ricerca (Search Engine Marketing, SEM). La figura professionale specializzata in ottimizzazione è il SEO (search engine optimizer, ottimizzatore per i motori di ricerca - che ha il medesimo acronimo dell'attività che svolge). Il SEO necessita di collaborazione stretta con tutte le figure professionali che ruotano attorno alla creazione di un sito web quali il creativo, il reparto comunicazione e marketing, il web designer, il programmatore, L'ottimizzazione di un sito determina il suo posizionamento nelle pagine di risposta dei motori, che a sua volta consente la visibilità dei prodotti/servizi da vendere.


T
TAG: Un tag è una parola chiave o un termine associato a un'informazione (un'immagine, una mappa geografica, un video...), che descrive l'oggetto rendendo possibile la classificazione e la ricerca di informazioni basata su parole chiave. I tag sono generalmente scelti in base a criteri personali dagli autori dell'oggetto dell'indicizzazione. Quindi i tag possono anche essere usati in modo improprio. Solitamente a ogni oggetto sono applicati più tag. Ad esempio il Tag TITLE è quel testo che si visualizza in alto sul browser di navigazione ed è tra le prime cose che gli spider leggono.


U



V



W
W3C: Nell'ottobre del 1994 Tim Berners Lee, padre del Web, fondò al MIT (Massachusetts Institute of Technology), in collaborazione con il CERN (il laboratorio dal quale proveniva), un'associazione di nome World Wide Web Consortium (abbreviato W3C), con lo scopo di migliorare gli esistenti protocolli e linguaggi per il World Wide Web e di aiutare il web a sviluppare tutte le sue potenzialità. Nell'aprile del 1995 l'INRIA (Istituto Nazionale di Ricerca Informatica ed Automatica francese) divenne il primo membro europeo dell'organizzazione. Nel 1996 il W3C approdò in Asia, grazie alla Keio University di Tokio. Nel 2003 l'ERCIM (Il Consorzio Europeo di Ricerca in Informatica e Matematica) prese il ruolo di host europeo del W3C dall'INRIA (che è l'istituzione francese dell'ERCIM). (tratto da Wikipedia)


X



Y



Z